Filosofia in città 2018


FILOSOFIA IN CITTÀ 

Il prezzo della verità
Società Filosofica Italiana – Sezione FVG
In collaborazione con Teatro Nuovo Giovanni da Udine – Casa Teatro, Conservatorio Tomadini, Università degli  Studi  di  Udine,  Vicino/lontano,  Comune  di  Udine  –  Civici  Musei,  Liceo  N. Copernico e Liceo G. Marinelli di Udine, Liceo Leopardi-Majorana di Pordenone, Rete per la Filosofia e gli Studi umanistici, CSS Teatro stabile di innovazione del FVG. Con il sostegno del Comune di Udine, della Regione FVG e della Fondazione Friuli.

  
Domenica 20 maggio, ore 11
Udine, TEATRO NUOVO Giovanni da Udine
A costo della vita?
Interventi di 
NICOLA GASBARRO e GIOVANNI LEGHISSA
Letture di Cristina Benedetti, Alessandra Pergolese, Stefano Rizzardi da testi di René Girard, Ugo Fabietti, Jean Baudrillard, Fethi Benslama. Musiche di Serge Prokof’ev e Igor Stravinskij. Andrea Boscutti, pianoforte
 
Il  disprezzo  per  la  vita  “semplicemente”  umana, tanto  la  propria  quanto  quella  degli  altri, la  ferma determinazione  a  distruggerla  nel  nome  di  una  verità  religiosa  assoluta,  vissuta  e  concepita probabilmente  in  modo  distorto,  si  colgono  ormai  con  chiarezza  dietro  le  azioni  terroristiche.  Nello  specchio  deformato  del  terrorismo  integralista,  fenomeno  che  ha  certo  radici  politiche  intricate,  vediamo  profilarsi  la  figura  del  sacrificio.  Figura  che  spaventa, evocando scenari “primitivi” e modi di vivere che credevamo superati. D’altra parte, la morte inflitta e autoinflitta appare come una sfida estrema all’Occidente secolarizzato, sfida che sorge sulle  macerie  della  globalizzazione,  nel  deserto  culturale  aperto  sul  rovescio  delle  sue promesse. Per converso, l’Occidente si dispone anch’esso a “sacrificare” qualcosa, seppure in un  orizzonte  de-sacralizzato:  la  libertà  in  cambio  della  sicurezza.  Quale  verità  può  mai richiedere il prezzo della vita? E quale salvezza può ripagare la cessione della libertà?
 
NICOLA  GASBARRO  insegna  Storia  delle  Religioni  e  Antropologia  culturale  all’Università  degli  Studi  di  Udine.  Si occupa  soprattutto  di  metodologia  e  prospettiva  della  storia  delle  religioni,  dei  rapporti  tra  comparativismo  e
compatibilità e di antropologia della complessità. Tra le sue pubblicazioni: La “Città dell’Islam” e la “Città della guerra”
(introduzione e scelta di testi, Milano, 1991), “Noi e l’Islam”, in Il sacro e la storia (Stresa, 2003). Ha curato L’uomo che (non) verrà di Mike Singleton (Udine, 2013). Ѐ Presidente del comitato scientifico di Vicino/lontano.
 
GIOVANNI  LEGHISSA  è  Professore  Associato  presso  il  Dipartimento  di  Filosofia  e  Scienze dell’educazione dell’Università di Torino. Ѐ redattore di “aut aut” e direttore della rivista online di filosofia “Philosophy Kitchen”. Tra le sue pubblicazioni: L’evidenza impossibile. Saggio sull’immaginazione in Husserl (LINT, 1999); Il dio mortale. Ipotesi sulla religiosità moderna (Medusa, 2004), Il gioco dell’identità. Differenza, alterità, rappresentazione (Mimesis, 2005), Incorporare l’antico. Filologia classica e invenzione della modernità (Mimesis, 2007). Neoliberalismo. Un’introduzione critica  (Mimesis,  2012).  Postumani  per  scelta.  Verso  un’ecosofia  dei  ollettivi  (Mimesis,  2015).  The  Origins  of Neoliberalism (Routledge, London 2016, con Giandomenica Becchio). Ha curato, con Enrico Manera, il volume Filosofie  del mito nel Novecento (Carocci, 2015). 
  
    
A cura di Beatrice Bonato e Francesca Scaramuzza  
Coordinamento musicale del M° Renato Miani
Informazioni su FILOSOFIA IN CITTÀ e sulle altre attività della Sezione FVG sul sito www.sfifvg.eu

Ultime notizie