Alternanza Scuola-Lavoro (Legge 107)

asl-539La Legge 107/15 prevede, a partire dalle classi terze dell’a.s. 2015/2016 quanto segue:

33. Al fine di incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti, i percorsi di alternanza scuola-lavoro di cui al decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 77, sono attuati, nei licei, per una durata complessiva di almeno 200 ore nel triennio
 
35. L’alternanza scuola-lavoro può essere svolta durante la sospensione delle attività didattiche secondo il programma formativo e le modalità di verifica ivi stabilite nonché con la modalità dell’impresa formativa simulata.
 
38. Le scuole secondarie di secondo grado svolgono attività di formazione in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, nei limiti delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili, mediante l’organizzazione di corsi rivolti agli studenti inseriti nei percorsi di alternanza scuola-lavoro ed effettuati secondo quanto disposto dal decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.

 

Guida Operativa per le scuole pubblicata dal Miur – leggi…

 

Tutte le circolari relative all’Alternanza scuola-lavoro (incontri di formazione, opportunità di tirocinio, ecc.) sono pubblicate in questa pagina…

 

 

RESPONSABILI PER AREA

 

Area delle scienze umane (De Mattio, Furlanetto)

 

Collaborazioni con associazioni, enti e cooperative del Terzo Settore, settore strategico per imparare ad individuare i bisogni socio-educativi del territorio e osservare ma anche ideare possibili risposte di ricerca e professionali, presenti e future, a tali bisogni. Non viene trascurato il tradizionale ambito dell’istruzione-educazione (asili nido, scuole dell’infanzia, primarie e medie), con percorsi di alternanza individuali, ma anche progetti (connessi alle uda) che coinvolgono intere classi. Un’attenzione al quarto anno di corso di tutti e tre gli indirizzi riguarda i percorsi di orientamento post-diploma (anch’essi parte integrante dell’alternanza) che permetteranno agli studenti di approfondire quali sono le competenze richieste e il percorso di studi più confacente alle proprie inclinazioni e interessi, per riflettere ancora sul proprio futuro di studi o di lavoro all’interno di questo settore.

 

 

Area umanistica e della comunicazione (Cescon, Chiarottin)

 

Collaborazioni con enti e associazioni che nel territorio operano nel settore della comunicazione e del web per il giornalismo, il cinema, la promozione di eventi culturali, il sostegno allo studio, l’archiviazione e la gestione del patrimonio librario; attività di orientamento e di scuola-lavoro con amministrazioni e biblioteche comunali, testate giornalistiche, musei archeologici, associazioni culturali, incontri con consolidate e nuove figure professionali; esperienze formative all’interno della biblioteca stessa del Liceo (eventi e concorsi letterari, gestione della comunicazione web, corsi di catalogazione, gestione e conservazione del patrimonio librario in collaborazione con la Biblioteca Civica di Pordenone).

 

 

Area scientifica (Marafatto)

 

Incontri con università, laboratori ed enti scientifici, liberi professionisti, aziende pubbliche e private che si occupano di tematiche relative al settore scientificoingegneristico. Grande attenzione sarà posta nella ricerca di ambienti che, accanto alla formazione specifica, contemplino anche una grande componente sperimentale. I tirocini saranno attivati presso sedi universitarie, Polo Tecnologico, aziende, studi professionali, science center, musei scientifici.

 

 

Area medico-sanitaria-motoria-ambientale (Cappella, Reschiotto)

 

Incontri con enti, aziende, studi professionali, ambulatori, società sportive principalmente della provincia di Pordenone che si occupano di tematiche relative alla salute, al benessere, alla prevenzione, all’efficienza fisica, alla ricerca biomedica, alla salvaguardia del territorio, alla tutela del patrimonio faunistico. Le sedi di attivazione dei tirocini spazieranno tra i reparti ospedalieri, il CRO di Aviano, le società sportive, gli ambulatori veterinari, il Parco delle Dolomiti Friulane, l’ARPA, le aziende Chimiche e tutto quanto possa essere collegato.

 

 

Area storico-giuridico-economica (Di Fusco, Salvador)

 

Incontri con le aziende del territorio di Pordenone, con il tribunale di Pordenone, con enti che rappresentano le aziende come la Camera di commercio e Unindustria, con enti che istituiscono rapporti di lavoro con altri paesi della UE come Eures, con il Comune di Pordenone, con la Fondazione Pordenonelegge; percorsi di formazione per facilitare il primo approccio con l’azienda (preparazione curriculum italiano ed europeo), per acquisire la conoscenza della nuova organizzazione dell’industria strutturata secondo il metodo lean e la conoscenza delle innovazioni dell’industria 4.0. I tirocini già attivati e in corso d’opera sono quelli con il Polo tecnologico, la CISL e, a breve, con la CGIL. Per i prossimi mesi altre proposte saranno avviate presso studi di avvocati e commercialisti, il Fisco, la Camera di commercio e altre realtà in corso di definizione.

 

 

Area artistico- architettonica (Tonelli)

 

Incontri con istituti universitari, scuole di design, studi professionali, aziende che si occupano di tematiche relative alla comunicazione artistica, alla comunicazione pubblicitaria, al design, al mosaico, all’architettura nelle diverse specializzazioni, alla fotografia. In quest’area si collocano anche tutte le attività di GREST che possono essere svolte dagli studenti nel periodo estivo. I tirocini saranno attivati presso sedi universitarie, scuole, aziende, studi professionali architettonici o fotografici e, per quanto riguarda i GREST, le parrocchie.

 

 

Area potenziamento linguistico (Mazzucco, Moroni)

 

Certificazioni linguistiche, IGCSE, soggiorni all’estero per l’intero anno scolastico o parte di esso, periodi di lavoro all’estero, scambi con Soto del Real, Cambridge, Irlanda, attività del Parlamento Europeo. I tirocini potranno essere attivati in aziende/enti/scuole all’estero.